• Zetaesse

The Search, Playlist Ossessioni #1

di GIORGIO GRASSO


Perché tante volte è meglio restare un attimo fermi ad ascoltare attentissimissimamente.


#1 NEU! – Hallogallo, da Neu! (1972)


È un po’ così che abbiamo iniziato ad abituarci alla costanza imperterrita della percussività – lentamente, ha permeato in maniera sempre più minimale ciò che ascoltavamo; ciò che quindi sentivamo, più profondamente. E fu tutta una storia di crauti.

#2 FAST ANIMALS AND SLOW KIDSFammi domande, da Hybris (2013)


«Con una corda in una stanza, che ci fai?», «Una collana ed una sorpresa a tutti voi!». E questo dovrebbe bastare a farvi passare insonni una discreta quantità di notti.

#3 PHILIP GLASSChanging opinion, da Songs from Liquid Days (1986)


Ci sarebbe da fare tutta una discussione su come Philip Glass abbia tirato fuori un genere a partire dall’iterazione ossessiva di terzine. Però viene invece inevitabile concentrarsi sulla descrizione di questa lenta, inesorabile contemplazione del cambiamento – mentre si fa strada crepitando all’interno della nostra consapevolezza. Parola di Paul Simon.

#4 LAURIE ANDERSONLet X = X , da Big Science (1982)


«Oh boy – right, again». Davvero non si tratta qui di una questione di assonanza prettamente musicale – ma il grido dentro, forte, assordante, che tutto va a fuoco ed è il caso di scappare, subito, di corsa, anche dalla finestra. Love and kisses XXXOOO.

#5 JON SPENCER BLUES EXPLOSIONFlavor Pt 1 Remix feat. Mike D & Beck, da Experimental Remixes (1995)


«Blues Explosion!», è questa la loro ossessione, deve esplodere, il blues, che è number one, dappertutto comunque dovunque. Ed è quello il sapore, l’odore che devi cercare; e deve impregnare, possedere, ammaliare; non te lo devi poter scrollare di dosso…

#giorgiograsso #musica #ossessioni #ascolto #ripetizioni #esplosione


*GIORGIO GRASSO

È nato circondato dalle storie: mai riuscì a trattenersi dallo spulciarne avidamente una in più, dal provocare un racconto ancora. E infatti c’è anche una storia su come è diventato pazzo di musica: «C’era una volta una cassetta piena di canzoni, che infine un giorno andò distrutta: fu per ritrovarne tutti i pezzi che Giorgio partì alla ricerca della musica perduta».

Zetaesse

ISSN 2611-5433

Non perdere mai un aggiornamento

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco Spotify Icona
  • Bianco RSS Icon