• Zetaesse

Diario dalla zona rossa

di SALVATORE GARZILLO


Tornare dalla mia famiglia al Sud. (P.S. Ho fatto un labirinto vero, potete giocarci).

Il consiglio di voltare sempre a sinistra mi rammentò che era questo il procedimento comune per scoprire la radura centrale di certi labirinti. M’intendo un poco di labirinti: non invano sono bisnipote di quel Ts’ui Pên che fu governatore dello Yunnan e che rinunziò al potere temporale per scrivere un romanzo che fosse ancor più popoloso del Hung Lu Meng, e per costruire un labirinto in cui ogni uomo si perdesse. Tredici anni dedicò a queste eterogenee fatiche, ma la mano d’uno straniero lo assassinò e il suo romanzo era insensato e nessuno trovò il labirinto. Sotto alberi inglesi meditai su quel labirinto perduto: lo immaginai inviolato e perfetto sulla cima segreta d’una montagna; lo immaginai subacqueo, cancellato dalle risaie; lo immaginai infine, non già di chioschi ottagonali e di sentieri che voltano, ma di fiumi e di province e di regni... Pensai a un labirinto di labirinti, a un labirinto sinuoso e crescente che abbracciasse il passato e l’avvenire, e che implicasse in qualche modo anche gli astri. Assorto in queste immagini illusorie, dimenticai il mio destino d’uomo inseguito. Mi sentii, per un tempo indeterminato, percettore astratto del mondo.


JORGE LUIS BORGES, I sentieri che si biforcano





*SALVATORE GARZILLO

Nato e cresciuto a Napoli, da 10 anni lavora a Milano e le vuole bene. È un giornalista di cronaca nera dell’Ansa, “quello” che va sui posti quando c’è un omicidio. Ha sempre due penne in tasca, prende appunti e disegno dappertutto. Spesso i disegni sono migliori degli articoli, fate voi.

Ultima edizione. Storie nere dall'archivio de «La Notte»

Instagram

Zetaesse

ISSN 2611-5433

Non perdere mai un aggiornamento

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco Spotify Icona
  • Bianco RSS Icon