• Zetaesse

Carte d'imbarco #7

di ALESSIA CAPASSO



LA GRANDE A

Giulia Caminito

Giunti, Milano 2016


Anghareb, ripeté la madre, così si dice, è un letto leggero, ci si riposa bene, e quando sorge il sole vieni tu a dormire al posto mio, facciamo il cambio, come al lavoro.

La brandina era appoggiata contro il muro, direttamente a terra.

E se piove?

Qui non piove da nove anni.

E se arrivano i cani randagi?

Li scacci col fuoco o ti metti a gridare, vedrai che vanno via.

E se non vanno via?

Gli sparo.

Un libro che suda. Il romanzo d'esordio dell'autrice romana Giulia Caminito prende avvio idealmente dalle memorie di una nonna, “costretta” all'anticonformismo e al femminismo, prima che venissero codificati. Dall'Italia all'Africa. Dal Duce al Negus. Dal gelo di Legnano all'arsura di Assab. Bimba minuta e bistrattata sotto il fascismo, ragazzina timida nell'immediato dopo-guerra italico, la Giada diventa donna tra caffè salati, gazzelle, debiti e deserti, inseguendo una madre camionista con l'aria da diva e un aitante asmarino, cui toccare la fronte nel letto prima che scappi nuovamente a rincorrer chissà cosa. Nella cornice di un'Italietta coloniale, intimamente fascista, provinciale anche nei suoi traffici internazionali, due donne, diverse e alleate, si ritagliano uno spicchio di vita sotto il sole cocente della Grande A.


YOU MIGHT ALSO LIKE:

ASMARA DREAM

Marco Barbon

Postcart, Roma 2009

Le polaroid di Marco Barbon, scattate nell'odierna capitale dell'Eritrea, rintracciano dettagli di una città immobile, posata su architetture razionaliste e lunghe pause caffè. Rimossi delitti e relitti dell'imperialismo fascista, scartati i segni delle lotte per l'indipendenza dall'Etiopia, Barbon recupera atmosfere e suggestioni di quell'Italia coloniale che sognava di fondare una 'nuova Roma' in terra d'Africa. Fotografando abiti, radio, banconi dei bar, pavimenti e tende, Barbon dipinge un'Asmara sospesa in un limbo, dove quieta si accomoda la nostalgia.

#alessiacapasso #giuliacaminito #marcobarbon #africa #italia #colonialismo #eritrea #etiopia #polaroid #fotografia #memoria #sud


*ALESSIA CAPASSO

Ha contribuito a fondare zetaesse. Era destinata alle arringhe in tribunale, ma si è inventata fotografa. Concepita a Lampedusa, partenopea di nascita, la scambiano per fiamminga per le strade di Bruxelles, dove attualmente vive e lavora. alessiacapasso.com

Zetaesse

ISSN 2611-5433

Non perdere mai un aggiornamento

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco Spotify Icona
  • Bianco RSS Icon